Home ABSTRACT Anti Aging femminile
Anti Aging femminile

Anti Aging femminile

23
0

Congresso “ Anti Aging Donna e Menopausa”: Viaggio nelle nuove frontiere dell’Anti Aging , a cura di Osvaldo Sponzilli: presidente del Congresso – Responsabile dell’Ambulatorio di Medicina Anti-Aging Ospedale San Pietro FBF – Docente Università Tor Vergata Roma

La medicina anti invecchiamento è fondamentalmente medicina preventiva da attuarsi dai 30 anni in poi attraverso l’alimentazione, l’esercizio fisico moderato, la respirazione, la meditazione e il rilassamento e l’integrazione e la stimolazione di quei fattori organici che man mano nel corso della vita divengono deficitari.

Si tratta di un vero e proprio passaggio da una medicina della malattia a una medicina preventiva e predittiva. Il vero obiettivo è condizionare i processi di invecchiamento operando in maniera olistica attraverso azioni finalizzate ad impedire o ridurre il rischio, ossia la probabilità che si verifichino eventi non desiderati.

Con l’Anti Aging Donna si focalizza l’attenzione sulla donna in tutte le fasi del suo divenire con particolare attenzione al difficile momento della menopausa in cui vari meccanismi fisiologici subiscono trasformazioni con nuovi adattamenti del corpo e della mente. È ormai risaputo che uomo e donna presentano profonde differenze, per cui diversi dovranno essere i regimi alimentari tra i due sessi, così come le dosi di vitamine. Anche gli effetti dei differenti ormoni è totalmente diverso nell’uomo e nella donna.

Non dimentichiamo poi che il cervello femminile è completamente diverso da quello maschile nel suo funzionamento e nel modo di approviggionarsi di energia. Tutte queste recenti scoperte avranno una notevole ripercussione sulla terapia e sulla prevenzione delle malattie. Dovremo quindi apprendere a modulare le dosi secondo i sessi, perché uomo e donna sono differenti:

  • Le donne hanno un’incidenza 6 volte superiore rispetto agli uomini per le malattie della tiroide.
  • Il polmone femminile è molto più sensibile agli ormoni sessuali femminili che possono favorire il cancro del polmone.
  • Il testosterone ha un effetto antinfiammatorio nell’uomo, ma questo stesso effetto nella donna dopo la menopausa ha azione infiammatoria.
  • L’estradiolo ha effetto protettivo sulle arterie nellea donna prima della menopausa, mentre non ha assolutamente lo stesso effetto nell’uomo.

Ufficio Stampa Dott Massimo Spattini

(23)