Home ABSTRACT Così il fruttosio apre la strada al diabete
Così il fruttosio apre la strada al diabete

Così il fruttosio apre la strada al diabete

25
0

Uno studio conferma come l’assunzione di alimenti e bevande che contengono fruttosio aggiunto come dolcificante possa rappresentare un potenziale fattore di rischio per lo sviluppo di diabete di tipo 2: negli usa, mediamente, ogni persona assume circa 25 chili di fruttosio l’anno. Anche se appare poco comprensibile, considerando come i nutrizionisti sollecitino il consumo di frutta che contiene appunto questo tipo di zucchero, la realtà è proprio questa. Ed esiste una chiara spiegazione scientifica, legata alla presenza percentuale dello zucchero all’interno dei diversi alimenti. Nella frutta il contenuto in fruttosio è estremamente controllato – una pesca è fatta solo dell’1 per cento di questo zucchero – mentre nello sciroppo di mais ad elevato contenuto di fruttosio questo è, in termini di peso, quasi la metà in peso dell’intero alimento. Per non parlare degli altri principi nutritivi presenti nella frutta al naturale, come fibre e vitamine, ovviamente assenti nello sciroppo stesso. Il fruttosio, sempre secondo i risultati della ricerca che ha verificato i dati attualmente disponibili sull’argomento, sarebbe all’origine dell’iperinsulinemia da cui origina il fenomeno chiave dello sviluppo della malattia metabolica, ovvero la progressiva resistenza all’insulina da parte delle cellule. Proprio lo stimolo che porta all’eccesso di insulina, quindi, diventerebbe un elemento chiave nei meccanismi patogenetici della malattia.

Italia Oggi del 5 febbraio, pagina 13

 

(25)