Home ABSTRACT Diete dimagranti: controproducenti per le persone normopeso.
Diete dimagranti: controproducenti per le persone normopeso.

Diete dimagranti: controproducenti per le persone normopeso.

228
0

A volte, farsi tentare dalla voglia di sfoggiare un fisico in forma, specialmente in estate, può essere controproducente: alcune persone infatti pur avendo un peso giusto si mettono ugualmente a dieta sperando di dimagrire oltre il necessario. Non tutti sanno però che questo può essere un tentativo sbagliato, inutile e persino controproducente perchè potrebbe addirittura far ingrassare.
E’ l’avvertimento che viene da una revisione di studi appena pubblicata su Obesity Reviews. Gli autori del Dipartimento di Medicina dell’Università di Friburgo, in Svizzera, sono convinti che le diete dimagranti, specie se ripetute, predispongono le persone normopeso a recuperare più grasso di quello perso. Fra le prove a conferma di queste conclusioni, indagini condotte in Finlandia su gemelli omozigoti, quindi con lo stesso patrimonio genetico: studiando coppie di gemelli che all’età di 16 anni avevano un peso simile, i ricercatori hanno potuto verificare che, all’età di 25 anni, pesava di più il gemello che aveva fatto più tentativi di dimagrire. In un altro studio si è visto che atleti impegnati in sport che comportano spesso oscillazioni di peso, come il pugilato, con il tempo ingrassano di più di chi si dedica a discipline che non prevedono oscillazioni ponderali.

Ma perchè le diete dimagranti potrebbero rivelarsi controproducenti per le persone normopeso?
L’ipotesi degli autori riguarda proprio la condizione di partenza, che non richiederebbe una riduzione del peso attraverso una restrizione calorica che intacca anche la massa magra per ricavare energia, di cui l’organismo ha bisogno. Dopo il calo ponderale nel normopeso, l’organismo sano, sulla base della sua  “memoria” della composizione corporea, cercherà di ripristinare sia la massa magra che quella grassa. Ma poichè la massa grassa si recupera più facilmente di quella magra, una volta che la persona sarà tornata al peso di partenza, si ritroverà con una quota di tessuto adiposo aumentato.

 

Antonio Caretto – Nutri&Previeni

(228)