Home ABSTRACT DORMIRE MENO DI SEI ORE A NOTTE PUÒ AUMENTARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE
DORMIRE MENO DI SEI ORE A NOTTE PUÒ AUMENTARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

DORMIRE MENO DI SEI ORE A NOTTE PUÒ AUMENTARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

368
0

Un nuovo studio, pubblicato sul Journal of American College of Cardiology, suggerisce che le persone che dormono meno di sei ore a notte hanno un maggiore rischio di malattie cardiovascolari rispetto a quelle che dormono tra le sette e le otto ore. Secondo lo studio un sonno di scarsa qualità aumenta il rischio di accumulo di placca aterosclerotica nelle arterie in tutto il corpo.
“Le malattie cardiovascolari sono un problema globale importante e noi lo stiamo prevenendo e trattando utilizzando diversi approcci, tra cui prodotti farmaceutici, attività fisica e alimentazione, ma questo studio sottolinea che è necessario considerare anche il sonno come una delle armi che possiamo usare per combattere le malattie cardiache. La qualità del sonno infatti è un fattore che stiamo compromettendo ogni giorno “, ha detto l’autore senior dello studio José M. Ordovás, Ph.D., ricercatore presso il Centro Nacional de Investigaciones Cardiovasculares Carlos III (CNIC) di Madrid e direttore dell’alimentazione e genomica presso la Human Nutrition Jean Mayer USDA Centro di ricerca sull’invecchiamento presso la Tufts University.
Precedenti studi hanno dimostrato che la mancanza di sonno aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, aumentando i fattori di rischio di malattie cardiache come i livelli di glucosio, la pressione sanguigna, l’infiammazione e l’obesità.
Il nuovo studio ha coinvolto 3.974 impiegati bancari in Spagna dallo studio PESA CNIC-Santander, guidato dal redattore capo JACC Valentin Fuster, MD, Ph.D., in cui si è rilevata la prevalenza e il tasso di progressione delle lesioni subcliniche vascolari in una popolazione con un’età media di 46 anni. Tutti i partecipanti erano senza malattie cardiache note e due terzi erano uomini. Tutti i partecipanti indossavano un actigraph, un piccolo dispositivo che misura continuamente la qualità del sonno per sette giorni. La qualità del sonno è stata definita dalla frequenza con cui una persona si svegliava durante la notte e dalla frequenza dei movimenti durante il sonno che riflettono le fasi del sonno.
Erano divisi in quattro gruppi: quelli che dormivano meno di sei ore, quelli che dormivano da sei a sette ore, quelli che dormivano da sette a otto ore e quelli che dormivano più di otto ore. I partecipanti sono stati sottoposti ad ecografia cardiaca 3-D e scansioni TC cardiache per la ricerca di malattie cardiache.
Lo studio ha rilevato che quando venivano considerati i fattori di rischio tradizionali per le malattie cardiache , i partecipanti che dormivano meno di sei ore avevano il 27% di probabilità in più di avere aterosclerosi in tutto il corpo rispetto a quelli che dormivano da sette a otto ore. Allo stesso modo, coloro che avevano una cattiva qualità del sonno avevano il 34% di probabilità in più di avere aterosclerosi rispetto a coloro che avevano una buona qualità del sonno. È importante rendersi conto che una durata del sonno più breve ma di buona qualità può annullare gli effetti dannosi della minore lunghezza. Stranamente lo studio ha inoltre suggerito che anche dormire più di 8 ore a notte può essere associato a maggiore aterosclerosi.

(368)