Home ABSTRACT Dormire poco peggiora la salute
Dormire poco peggiora la salute

Dormire poco peggiora la salute

17
0

Dagli adolescenti che difficilmente raggiungono le nove ore mediamente indicate per la loro età fino agli adulti. Per molte persone rimanere il giusto tempo tra le braccia di Morfeo è ormai una vera e propria utopia e questo si riflette immancabilmente sul loro benessere. A lanciare l’ennesimo allarme su una società che sempre meno dedica il giusto tempo al riposo notturno è Gian Luigi Gigli, docente di neurologia all’Università di Udine, che addirittura prova a riconoscere nel progresso uno degli elementi che hanno portato le persone a dormire sempre meno. Secondo l’esperto “tutta la società è in debito di sonno: dalla fine dell’800 con l’introduzione dell’energia elettrica in media abbiamo perso due ore di sonno per notte”. Sia come sia, oggi dobbiamo fare i conti con una fondamentale carenza di sonno e questo, purtroppo, può condurre ad un maggior rischio di andare incontro a patologie, in particolare a carico dell’apparato cardiovascolare. Secondo quanto riporta un progetto olandese che ha voluto indagare il peso dei vari fattori di rischio sull’insorgenza delle malattie croniche dormire almeno sette ore per notte si traduce in una riduzione del rischio di patologie cardiovascolari del 22 per cento e, addirittura, in un calo del 43 per cento di andare incontro ad accidenti coronarici fatali, ovviamente in confronto a chi dorme poco e male. Un’ultima raccomandazione dell’esperto è dedicata alle donne: per loro, infatti, la quantità di sonno può variare apparentemente senza motivo. Ma niente paura, sono le fluttuazioni ormonali tipiche del ciclo mestruale a modificare il bisogno di riposo, mentre dopo la menopausa in genere si tende a dormire di meno.

Tutto Scienze e Tecnologia de La Stampa del 23 ottobre, pagina 7

(17)