Home ABSTRACT i mirtilli come integratore antioestrogenico
i mirtilli come integratore antioestrogenico

i mirtilli come integratore antioestrogenico

80
0

Group of blueberries isolated on white

I fenoli dei mirtilli
rendono le cellule meno sensibili alle
gli effetti negativi dell’estradiolo , ma lasciano gli effetti desiderabili del
ormone intatti . E ‘possibile
trarre questa conclusione da uno studio sugli animali fatto da oncologi
presso l’Università di Louisville negli Stati Uniti , che sarà presto
pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry .
Il mirtillo contiene antocianine e studi su cellule e animali
hanno dimostrato che questi offrono una protezione contro il cancro del seno.
I chimici hanno classificato circa cinquecento antociani in sei gruppi :
cianidina , delfinidina , malvidina , pelargonidina , peonidina e petunidina .
I mirtilli contengono tutti i gruppi tranne la pelargonidina .

Nell’articolo che sarà pubblicato a breve sul Journal of Agricultural and Food
Chimica i ricercatori descrivono esperimenti che hanno fatto sui ratti ACI femmina.
Questi sono i ratti che sono suscettibili al cancro del seno.
I ricercatori hanno individuato  tra i  ratti sottoposti allo studio, quelli con maggiore secrezione di estradiolo
aumentando così la possibilità che questi animali potessero sviluppare il cancro al seno .
I ratti di laboratorio in gruppi sperimentali sono stati nutriti con cibo che consisteva per il 2.5% o il 5% di mirtilli in polvere liofilizzatii.
Ad alcuni ratti sono stati trattati con questa alimentazione arricchita di mirtilli  due settimane prima che si manifestasse il tumore quindi con effetto preventivo, mentre un altro gruppo è stato trattato con questa alimentazione 14 settimane dopo che i primi tumori erano stati
rilevati e quindi a scopo terapeutico.
I risultati hanno mostrato che gli estratti di mirtillo hanno impedito lo sviluppo del tumore fino al 40% dei ratti sottoposti allo studio
Inoltre gli estratti di mirtillo inseriti nell’alimentazione a scopo terapeutico hanno inibito la crescita ulteriore dei tumori .
Sembra che le antocianine dei mirtilli riescano ad  inibire la sintesi del CYP1A1 enzima delle cellule tumorali del seno .
Quest’enzima converte  l’estradiolo in 2-idrossi-estradiolo capace di causare danni al DNA .

I mirtilli inibiscono la sintesi del recettore alfa-estradiolo . L’estradiolo si lega a questo recettore
per stimolare lo sviluppo del seno , la deposizione di grasso e la ritenzione idrica ma anche la crescita tumorale .
Il recettore beta-estradiolo è particolarmente importante per
molti degli effetti positivi dell’estradiolo , come un aumento della flessibilità vascolare e la fortificazione ossea.

L’equivalente umano della più alta dose utilizzata nell’esperimento è di circa 30 g di mirtillo in polvere tutti i giorni, da mettere in evidenza
che la polvere non era un concentrato e conteneva solo  38 mg di fenoli ( di cui 21 mg di antocianine ) per grammo.
Concludendo, secondo questo studio è possibile utilizzare i mirtilli come integratore antioestrogenico , provando un
estratto di buona qualità che fornisca una quantità sufficiente di antocianine.

(80)