Home ABSTRACT I sensi e l’invecchiamento
I sensi e l’invecchiamento

I sensi e l’invecchiamento

32
0

Congresso “ Anti Aging Donna e Menopausa”: Viaggio nelle nuove frontiere dell’Anti Aging , a cura di Osvaldo Sponzilli: presidente del Congresso – Responsabile dell’Ambulatorio di Medicina Anti-Aging Ospedale San Pietro FBF – Docente Università Tor Vergata Roma

L’invecchiamento sensoriale è ben conosciuto per quel che riguarda udito e vista, ma i nostri sensi appaiono sempre più come marcatori sottili di segni precursori di malattia.

È quindi interessante servirsi di questi avvertimenti sensoriali per prevenire certe malattie.

Per quel che concerne la voce, delle moderne tecniche permettono di osservare l’evoluzione del timbro e della qualità nel corso degli anni. Sappiano da poco tempo che il timbro della voce varia in funzione del tasso ormonale (variazione nel corso del ciclo femminile, con una fase armonica nell’intorno dell’ovulazione e una disarmonia durante il mestruo).

Menopausa ed andropausa sono dei periodi di modificazione profonda delle armoniche vocali.

In certe malattie neurodegenerative come la malattia di Parkinson, l’olfatto ed il gusto sono modificati molto prima della manifestazione dei segni clinici (80% dei casi). Inoltre queste alterazioni aumentano quando la malattia progredisce. Gusto ed olfatto sembrano dunque correlati alle alterazioni cognitive.

È risaputo inoltre che certi odori sono caratteristici di alcuni tumori della prostata. Ciò è ugualmente vero per il cancro del colon retto o il tumore delle ovaie.

 Ufficio Stampa Dott Massimo Spattini

(32)