Home ABSTRACT IL GRASSO SEMBRA AVERE UN POTENTE RITMO CIRCADIANO IN UN PIATTO
IL GRASSO SEMBRA AVERE UN POTENTE RITMO CIRCADIANO IN UN PIATTO

IL GRASSO SEMBRA AVERE UN POTENTE RITMO CIRCADIANO IN UN PIATTO

1.10K
0

Negli esseri umani, la tolleranza al glucosio varia nelle diverse ore del giorno, ma il meccanismo responsabile della variazione della sensibilità insulinica durante il giorno non è chiaro. In un recente studio pubblicato sul The Journal of the Federation of American Societies for Experimental Biology, i ricercatori del Brigham and Women Hospital e dell’Università di Murcia hanno valutato se il tessuto adiposo umano, il grasso, possiede un proprio ritmo circadiano per quanto riguarda la sensibilità all’insulina che potrebbe contribuire a questo fenomeno.

Usando campioni di tessuto adiposo sia viscerale che sottocutaneo di 18 persone che hanno subito un intervento chirurgico di bypass gastrico, i ricercatori hanno scoperto che il grasso sottocutaneo ha un ritmo circadiano intrinseco per la sensibilità all’insulina. La sensibilità all’insulina ha raggiunto il suo massimo intorno a mezzogiorno, ed è stato di oltre il 50 per cento superiore rispetto a mezzanotte. È interessante notare che il ritmo non è stato osservato nel grasso viscerale.

“Il nostro studio dimostra che il tessuto grasso umano sottocutaneo ha un “orologio” interno che è in grado di regolare la sensibilità all’insulina, anche al di fuori del corpo. Il ritmo di questo tessuto si incontra bene con quanto è stato osservato in generale negli esseri umani quando è stato esaminato come le persone affrontano un pasto o a un carico di zucchero”, ha detto Frank Scheer, PhD, della Divisione di BWH of Sleep Medicine.

“Questo orologio cellulare può contribuire al ritmo quotidiano della tolleranza al glucosio osservata negli esseri umani”, ha detto Marta Garaulet, PhD, University of Murcia. “I nostri prossimi passi si focalizzano sul fatto di essere o non in grado di influenzare l’orologio circadiano intrinseco di questo tessuto, o meglio organo, e se tale influenza possa cambiare la sensibilità all’insulina.”

(1101)