Home ABSTRACT LA RICERCA SCIENTIFICA LO AFFERMA: LA CREATINA NON ALTERA LA FUNZIONALITA’ RENALE
LA RICERCA SCIENTIFICA LO AFFERMA: LA CREATINA NON ALTERA LA FUNZIONALITA’ RENALE

LA RICERCA SCIENTIFICA LO AFFERMA: LA CREATINA NON ALTERA LA FUNZIONALITA’ RENALE

1.17K
0

La creatina è un integratore molto diffuso in ambito sportivo. La molecola è composta da tre amminoacidi: glicina, arginina e metionina, quindi quando abbiamo a disposizione sufficienti quantità di questi amminoacidi, il nostro organismo è in grado di sintetizzarla, ma possiamo anche assumerla attraverso gli alimenti (la carne) o sotto forma di integratore. L’utilizzo della creatina in ambito sportiva trova ragione nel fatto che essa esercita un potere ergogenico, ovvero migliora la performance sportiva durante l’esercizio fisico, in particolar modo per gli sport di forza e potenza o esercizi ad alta intensità, come il sollevamento pesi, il salto in alto e gli sprint di corsa: tutte attività che utilizzano l’ATP che deriva dai cosiddetti “fosfati ad alta energia”, tra cui appunto la creatina. Quindi assumere creatina prima di un allenamento può aiutarci a non terminare troppo in fretta le scorte nei muscoli, e assumerla dopo l’allenamento ci aiuterà a ripristinare in fretta le scorte per il prossimo allenamento. L’integrazione con creatina nello sportivo è particolarmente indicata per gli atleti vegani o vegetariani che ricercano una migliore performance atletica, ma anche per consentire un recupero muscolare più efficiente. L’utilizzo della creatina sembrerebbe essere utile anche ai soggetti affetti da diabete di tipo II, migliorando la sensibilità insulinica e tolleranza al glucosio.
Tuttavia, esistono alcune evidenze riguardo al fatto che la creatina possa esercitare degli effetti avversi sulla salute, ed in particolare sulla funzionalità dei reni. I possibili effetti collaterali sono senz’altro correlati ai dosaggi utilizzati, alla frequenza ed al periodo di assunzione, ma c’è ancora molta confusione.
Recentemente è stato pubblicato il primo studio sistematico di revisione e meta-analisi volto ad analizzare tutti gli studi condotti finora sugli integratori di creatina e i loro possibili effetti collaterali sulla fisiologia renale. I risultati di questa grande meta-analisi suggeriscono che l’integrazione di creatina non altera in maniera significativa i livelli sierici di creatinina e neanche i livelli di urea plasmatica; infatti, negli studi che sono stati analizzati l’utilizzo di creatina non ha causato alcun danno renale nei soggetti. Dai risultati si può quindi concludere che la supplementazione con creatina non induce un danno renale nei dosaggi analizzati e per la durata degli studi considerati, in soggetti sani. Saranno necessari ulteriori studi per valutare il suo effetto in soggetti che presentano patologie o disfunzioni renali.

Fonte: Effect of creatine supplementation on renal function: a systematic review and meta-analysis, J Ren Nutr. 2019

(1167)