Home ABSTRACT L’ALLENAMENTO ECCENTRICO VELOCE MIGLIORA LA FORZA E LA MASSA MUSCOLARE
L’ALLENAMENTO ECCENTRICO VELOCE MIGLIORA LA FORZA E LA MASSA  MUSCOLARE

L’ALLENAMENTO ECCENTRICO VELOCE MIGLIORA LA FORZA E LA MASSA MUSCOLARE

1.26K
0

I muscoli possono contrarsi concentricamente, producendo forza mentre si accorciano oppure in modo statico, producendo forza senza alcun movimento, oppure eccentricamente, producendo forza durante il loro allungamento. È interessante sapere che durante una contrazione concentrica del muscolo, veloci contrazioni producono relativamente poca forza mentre accade l’opposto durante una contrazione eccentrica, poiché veloci contrazioni, in questo caso, ne producono molta di più.

La maggior parte dei body builder si allenano in modo concentrico e solo occasionalmente in maniera eccentrica, inoltre in quelle poche occasioni svolgono l’allenamento a basse velocità. A questo proposito vi riporto uno studio in cui sono stati confrontati due gruppi ai quali era stato chiesto di seguire due diversi programmi di allenamento eccentrico, uno caratterizzato da allenamenti a bassa velocità e l’altro più rapido e ciò che alcuni ricercatori canadesi hanno potuto osservare è stato che l’allenamento eccentrico veloce aveva comportato significativi miglioramenti sia dal punto di vista della forza muscolare sia in termini di dimensioni del muscolo stesso. La tensione generata nel muscolo è il più importante fattore che innesca l’ipertrofia, perciò contrazioni eccentriche ad alta velocità, generando più forza di qualsiasi altra tipologia di contrazione, favoriscono la crescita muscolare.

Giusto per schiarirvi le idee, un esempio di esercizio eccentrico nella sala pesi è l’abbassamento rapido del peso durante un esercizio alla panca, abbassamento rapido che avviene sempre sotto il controllo dei muscoli pettorali che rimangono contratti. Questa modalità di esecuzione sarà familiare già a molti di voi, infatti assomiglia ai negativi tradizionali, solo che avviene ancora più velocemente.

Fonte: Eur J Appl Physiol 89:578-586

(1256)