Home ARTICOLI MASSIMO SPATTINI incoronato re del bodybuilding italiano

MASSIMO SPATTINI incoronato re del bodybuilding italiano

584
0

GAZZETTA DI PARMA – 25 giugno 1986

Ha vinto i campionati assoluti a Padova
Ha cominciato fra tavolozze e colori nello studio del padre Claudio perché era troppo magro
Un campione col camice bianco

Una decina di anni fa era una speranza del tennis parmigiano , ma era troppo magro : 65 chili per un metro e ottanta.

Allora un po’ per curiosità e un po’ perché aveva appena acquistato una copia di “Sportman” , il giornale della cultura fisica , chiese a suo padre Claudio , pittore molto noto , di fare un po’ di posto nel suo studio per potersi allenare con i primi rudimentali pesi.

Massimo Spattini , 28 anni , laureato in medicina , specializzato in medicina dello sport a Chieti sotto la guida del prof. Vecchiet , allievo del prof. Passeri , ha cominciato fra tavolozze e colori la sua scalata al titolo italiano dei pesi massimi di cultura fisica.

Il giovane atleta parmense ha raggiunto il suo primo obiettivo la settimana scorsa a Padova dove erano in programma i campionati italiani assoluti.

Insieme a lui altri atleti di casa nostra hanno ottenuto risultati di rilievo notevole : Renato Caleffi ,tanto per fare un esempio , è giunto secondo nella categoria dei mediomassimi e Guido Zambelli terzo sempre fra i mediomassimi , mentre l’unica rappresentante donna , Silvia Zanet , è giunta quarta nella categoria sotto i 52 kg.

Il fatto che il campione italiano sia un medico potrebbe essere sufficiente per dimostrare che questa disciplina , in fondo , non è dannosa come dicono , anzi è salutare e consigliabile a tutti.

Dunque , Massimo Spattini ha cominciato in funzione del tennis e poi il body building lo ha piano piano assorbito nelle sue spire , fatte di attrezzi dai nomi strani , ma soprattutto garantendo risultati di un certo rilievo.

– Quando hai cominciato , i tuoi amici non ti prendevano un po’ in giro?

“Sì , all’inizio hanno provato a condizionarmi , ma poi , visti i risultati che ottenevo hanno a loro volta preso in mano i manubri e bilancieri”

– Dove ti allenavi dieci anni fa?

“All’inizio in una cantina , poi ho “rubato” una camera allo studio di mio padre dove insieme ai miei attrezzi c’erano tavolozze , colori , pennelli”

– Ora insieme a Caleffi e a Conforti sei titolare del New Center Gym , una palestra fra le più grandi d’Italia , quando hai cominciato a pensare di aprirla?

“Proprio in quei tempi”

– Quanti chili eri?

“Pesavo 65 chilogrammi per 180 centimetri”

– E adesso?

“Peso 95 chilogrammi”

– Come hai fatto ad aumentare 30 chili?

“Con l’allenamento , la giusta alimentazione fatta di proteine , di carboidrati , di vitamine. Insomma una alimentazione bilanciata studiata appositamente per un potenziamento muscolare”

– Quando hai gareggiato per la prima volta?

“Nel 1981 ho disputato i campionati regionali nella categoria dei pesi massimi , anche se ero solamente 82 kg. e ho vinto subito”

– Il fatto che tu sia considerato “bello” ti ha avvantaggiato?

“Non so , non credo. Il viso non viene esaminato dai giudici che , peraltro, sono quasi sempre uomini”

– Per arrivare a vincere il campionato italiano avrai fatto molti sacrifici ; quante volte ti alleni?

“In prossimità delle gare per 6 giorni la settimana per 4 ore al giorno , due al mattino , due alla sera , in regime normale mi alleno per tre giorni consecutivi , poi mi riposo un giorno e ancora tre giorni”

– Il body building in Italia è guardato ancora con molta diffidenza , mentre in America si è arrivati al professionismo ; come mai?

“Io credo che anche in Italia arriveremo prima o poi al professionismo”

– Molta gente ritiene che la cultura fisica non sia uno sport…

“La definizione di sport che si legge in qualsiasi vocabolario è più o meno questa :attività fisica finalizzata ad un risultato agonistico. Mi  pare quindi evidente che il body building sia uno sport nel vero senso della parola anche perché lo scontro atletico esiste”

– Programmi nel futuro di Massimo Spattini?

“Partecipare a gare internazionali”

– A quale campione ti ispiri?

“A Bob Paris che unisce al fisico una certa eleganza. Questo per me è il canone più giusto per giudicare la cultura fisica che , per me , non è un fenomeno muscolare , ma è la simbiosi armonica fra muscolo , fisico e bellezza”

– A un ragazzo di 18 anni , alto 1,80 , che pesi 65 chilogrammi , che voglia potenziarsi , quali consigli daresti?

“Prima di tutto di iscriversi in una palestra , farsi una certa cultura sulla giusta alimentazione , cercare di applicarsi e sacrificarsi per trovare la giusta forma e chissà , a questo punto , che non diventi campione italiano”

Il dott. Massimo Spattini , campione italiano di cultura fisica , deve scappare. Fra un libro di medicina e un esercizio ai bilancieri , deve anche guardare in che modo si allenano i campioni di altri sport che frequentano la sua palestra e , credeteci , non sono pochi.

(584)