Home Senza categoria Massimo Spattini – La prolattina
Massimo Spattini – La prolattina

Massimo Spattini – La prolattina

120
0

Massimo Spattini risponde ad un quesito sulla “Prolattina”

Domanda

Salve doc restando nel campo del generico mi piacerebbe sapere se un valore alto di prolattina ed uno medio-basso di testosterone potrebbero significare il preludio della vecchiaia (ahimè) o uno squilibrio alimentare (mangio pochissimi grassi). Eventualmente quali integratori o sostanze erboristiche potrebbero intervenire in maniera naturale sul predetto rapporto?

 

Risposta del  Dott Massimo Spattini

La prolattina alta, se i valori sono molto alti (10 volte la norma) può essere il segnale di un microadenoma ipofisario (tumore benigno dell’ipofisi); normalmente però, valori poco più alti sono indicativi di una sindrome da stress. Lo stress può essere di vario genere tanto è vero che in certi casi è lo stesso stress del prelievo che può alzare la prolattina.

Spesso la prolattina si alza in caso di stress da alterato ritmo sonno-veglia e difatti non è raro trovare valori elevati di prolattina nei turnisti e nei lavoratori della notte (discoteche, night, guardiani notturni). Quando la prolattina è più alta e non ci sono spiegazioni si parla di “iperprolattinemia idiopatica”.

Tra gli integratori che hanno dimostrato di curare l’iperprolattinemia idiopatica c’è la melatonina che tra l’altro è anche particolarmente indicata nella sindrome da stress da alterazione del ritmo sonno-veglia. Escludendo il primo caso (eventualmente si potrebbe fare una risonanza magnetica) credo che il suo caso rientri negli ultimi due.

Per quanto riguarda il testosterone medio-basso deve sapere che il testosterone risente negativamente dei valori alti di prolattina e quindi, riuscendo ad abbassare quest’ultima, si dovrebbe alzare.

Ufficio Stampa Dott Massimo Spattini

(120)