Home ABSTRACT OMEGA-3 E FREQUENZA CARDIACA
OMEGA-3 E FREQUENZA CARDIACA

OMEGA-3 E FREQUENZA CARDIACA

1.04K
0

Una frequenza cardiaca a riposo elevata aumenta la mortalità cardiovascolare e per tutte le cause. L’European Journal of Clinical Nutrition ha pubblicato i risultati di una meta-analisi che ha affermato un’associazione tra l’integrazione con acidi grassi omega-3 e la riduzione della frequenza cardiaca. Per la loro analisi, Khemayanto Hidayat della China’s Soochow University e i suoi associati hanno selezionato 51 studi randomizzati controllati che includevano un totale di circa 3.000 uomini e donne. Trentadue dei gruppi di intervento comprendevano partecipanti con almeno una condizione cronica, tra cui la malattia coronarica, l’insufficienza renale, l’ipertensione e l’aritmia cardiaca. Rispetto a coloro che hanno ricevuto un placebo, i partecipanti che hanno assunto omega-3 hanno sperimentato una significativa riduzione della frequenza cardiaca di 2,23 battiti al minuto. Quando gli acidi grassi omega-3 EPA e DHA sono stati somministrati separatamente, è stata osservata una diminuzione dei battiti al minuto di 2,47 in associazione con DHA.
Nota del redattore: secondo gli autori dello studio, l’elevata frequenza cardiaca a riposo è emersa come un fattore di rischio per la mortalità cardiovascolare e per la mortalità per tutte le cause. “La frequenza cardiaca della maggior parte dei partecipanti inclusi in questa meta-analisi era nel range di normalità – la riduzione della frequenza cardiaca non è un’indicazione medica convenzionale. A livello di popolazione, tuttavia, tale riduzione delle risorse umane può avere implicazioni significative per la salute pubblica, poiché una riduzione di 3,2 bpm di HR corrisponderebbe approssimativamente al 7,5% di rischio inferiore di SCD (morte cardiaca improvvisa).”

Eur j Clin Nutr. 2017 Dec 28.

(1041)