Home ABSTRACT LA DietaCOM® – INTERVISTA A MASSIMO SPATTINI – Parmadaily
LA DietaCOM® – INTERVISTA A MASSIMO SPATTINI – Parmadaily

LA DietaCOM® – INTERVISTA A MASSIMO SPATTINI – Parmadaily

319
0

“Parmadaily.it: Dieta COM, “i risultati sono duraturi”. Intervista all’ideatore Dott. Massimo Spattini”

Intervista al Dott Massimo Spattini

 

Di Tommaso Villani

Il dott. Massimo Spattini è Specialista in Scienza dell’Alimentazione e Medicina dello Sport, Presidente dell’Accademia del Fitness, Membro del Comitato Scientifico della I.A.E.M.e dell’A.M.I.A.

Trent’anni di esperienza in medicina sportiva e nutrizione l’hanno portata a ideare una dieta molto particolare impensabile fino a poche decine di anni fa, che ha definito “Cronormorfodieta”. Di che si tratta?
La dieta COM (CronOrMorfo dieta) è un approccio integrato che tiene conto della Cronobiologia degli Ormoni e della Morfologia dell’essere umano. Non siamo tutti uguali e trova re la giusta alimentazione e tipologia di esercizio fisico adatto a ciascuno di noi è la via maestra che conduce alla salute e alla longevità.

Quindi la morfologia dell’individuo (a mela, a pera, a peperone) ha a che fare con specifiche e soggettive prevalenze ormonali, la cui influenza sulla distribuzione del grasso può essere controllata e modificata in parte dalla scelta qualitativa, quantitativa e cronologica degli alimenti, favorendo di conseguenza un dimagrimento localizzato?
Questo è il concetto che sta alla base del mio lavoro scientifico che ho condensato in un manuale edito da Tecniche Nuove dal titolo: “La dieta COM e il dimagrimento localizzato”. Dal testo si evince come determinate morfologie, ovvero determinate forme del corpo, sono legate a specifiche espressioni caratteriali. Tutto questo si sa è legato alla genetica che indirizza il nostro sviluppo secondo le nostre predisposizioni. Oggi, si ha la certezza che anche l’epigenetica (cioè l’influenza dell’ambiente esterno) gioca un ruolo fondamentale nel permettere o impedire il manifestarsi di determinate predisposizioni: “nasciamo come siamo, diventiamo come mangiamo, come ci muoviamo, come pensiamo”.

In sostanza riprende il concetto dell’attuale medicina preventiva, ossia che occorre integrare attività fisica con la corretta alimentazione per stare bene e sentirsi bene, oltre che per avere dei risultati estetici.
Proprio così. L’ambiente in cui viviamo, l’attività fisica che svolgiamo e la corretta alimentazione regolano l’espressione genica di ciascun essere umano. Già Ippocrate nel 400 a.c. affermava che se l’uomo fosse stato in grado di trovare la giusta qualità e quantità di cibo da introdurre quotidianamente nel proprio corpo e avesse praticato la giusta quantità e il giusto tipo di esercizio fisico si sarebbe garantito una vita sana.
Dall’insegnamento di Ippocrate, quando ero studente universitario alla facoltà di medicina del nostro ateneo, appresi trenta anni fa il concetto di unicità dell’individuo; per questo motivo affermo convinto come non mai che non esiste una dieta uguale per tutti, ma una individualità biochimica che richiede un’alimentazione specifica per biotipo.
Ogni persona, aggiungo, dovrebbe acquisire quel livello di conoscenza generale dei concetti elementari di alimentazione, fisiologia e biochimica che le permetta di ascoltare continuamente il proprio corpo in modo da personalizzare e rendere virtuosi i propri comportamenti verso uno stile di vita sano. Gli specialisti come me però possono aiutare chiunque decida di seguire questa strada verso il benessere psico-fisico senza farmaci impostando una vera e propria dieta ad personam.

Quindi dottor Spattini, in base a quanto detto fino ad ora, testimonia l’importante verità che non esiste una dieta ideale per tutti ma che esiste una individualità biochimica che richiede un’alimentazione specifica a seconda del biotipo a cui ciascun essere umano appartiene.
Gli individui metabolizzano il cibo in maniera differente, basta guardarci attorno, ci sono persone che sembra possano mangiare qualsiasi cosa senza ingrassare e altre che non possono permettersi il minimo sgarro nella dieta perché acquistino subito peso. Senza avere specifiche allergie o intolleranze, alcune persone reagiscono negativamente all’assunzione di determinati cibi mentre altre le tollerano senza problemi.
Questo per ribadire che la dieta COM che ho ideato non è la “dieta per mettersi in forma per l’estate”, se mi passi il termine, neppure la “dieta del momento” in quanto è un approccio di valutazione diagnostica a intento multidisciplinare che tiene conto soprattutto della tipicità dell’individuo e, deve portare a uno stile di vita virtuoso da mantenere più a lungo possibile, in tal modo si potranno contrastare la predisposizione negativa causata dalla genetica, da fattori ambientali, da influenze ormonali e dallo stress.
La dieta COM è adatta a tutti, a tutte le età, “una volta iniziata, non si smette più!”

Molto interessante anche gli aspetti trattati riguardanti la nutri genomica e il PNL.
Infatti con questa disciplina si vuole fornire una tipologia di alimentazione che sia il più compatibile possibile con le caratteristiche genetiche del nostro genoma: attraverso il tipo di cibo che noi scegliamo possiamo permettere l’espressione di determinati geni e migliorare in tal senso la nostra salute.
La nutrigenomica si basa sull’investigazione della tipologia di cibi che consumava l’uomo primitivo. E oggi capire il passato permette di migliorare la situazione in cui ci troviamo dirigendoci verso una nutrizione consapevole ricorrendo anche a integratori che possono essere un valido aiuto per l’effetto prodotto derivante il loro utilizzo. Gli integratori abbinati a un corretto stile di vita, a un’alimentazione consapevole possono svolgere un’azione energetica, favorire il metabolismo dei lipidi, incrementare il recupero sia fisico che mentale, incrementare la stimolazione ormonale.
Il ruolo di uno specialista come me è quello di aiutare un individuo a trarre i massimi benefici possibili dalla sinergia tra i seguenti quattro fattori: alimentazione, stile di vita, allenamento e integrazione alimentare.

Una volta iniziata la dieta che cosa consiglia a chi si sottopone a questo percorso che affronterà insieme a lei dottore?
Sicuramente sarebbe opportuno se non addirittura necessario sottoporsi a controlli periodici antropometrici di peso, di misure, pliche e massa grassa al fine di verificare la validità delle scelte adottate fino ad ora. Per ovviare a questo problema è stato istituito un servizio on line in cui attraverso l’inserimento di dati anamnestici e antropometrici, si ottiene un programma dietetico e di allenamento personalizzato, oltre a poter disporre di un servizio di assistenza fondamentale nel prosieguo del programma COM.

(319)