Home ABSTRACT Selezionato dal Dott Massimo Spattini – Obesità nei giovani
Selezionato dal Dott Massimo Spattini – Obesità nei giovani

Selezionato dal Dott Massimo Spattini – Obesità nei giovani

15
0

Il Dott Massimo Spattini ha selezionato un abstract per i giovani

Obesità, infiammazione e sindrome metabolica nei giovani

A differenza dei coetanei in buona salute, gli adolescenti obesi fanno registrare una marcata infiammazione a bassa intensità e valori elevati dei biomarcatori di sindrome metabolica.

Le misurazioni sono state effettuate nell’ambito di uno studio danese – diretto da Rikke Juul G0bel dell’università di Copenhagen – su 51 ragazzi dai 12 ai 15 anni obesi e su 30 di pari età e peso nella norma.

I risultati sono in linea con altri studi che avevano rilevato livelli più elevati di:

  • pressione sanguigna,
  • insulina,
  • insulinoresistenza,
  • C-peptide,
  • colesterolemia totale,
  • Ldl,
  • trigliceridi,
  • proteina C-reattiva,
  • interleuchina-6,
  • tumor necrosis factor-alfa
  • livelli inferiori di colesterolo Hdl tra gli adolescenti obesi rispetto ai normopeso

Mentre non si sono misurate differenze riguardanti glicemia, acidi grassi o calprotectina fecale. Inoltre, tra gli adolescenti obesi, fattori di rischio quali il colesterolo Ldl e la proteina C-reattiva sono apparsi associati positivamente con gli z- scores del body mass index.

È stata anche trovata un’alta prevalenza di sindrome metabolica, pari al 14%, tra gli adolescenti obesi;

inoltre, le misure di proteina C-reattiva sono risultate associate in modo positivo alla maggior parte delle misure antropometriche nel gruppo obeso, mentre all’analisi di regressione lineare multipla sia lo z-score Bmi sia la somma delle pliche cutanee hanno permesso di spiegare gran parte delle variazioni della proteina C-reattiva.

Secondo i ricercatori, l’elevata percentuale dei casi di sindrome metabolica in questa popolazione sottolinea la necessità di arrivare a una maggiore conoscenza delle cause e dei meccanismi che si associano ai fattori di rischio e di intervenire con programmi specifici per ridurne la prevalenza tra gli adolescenti.

Acta Paediatr, 2012; 101 (2): 192-200

Ufficio Stampa Dott Massimo Spattini

(15)