Home ABSTRACT Sclerosi multipla un caso di miglioramento
Sclerosi multipla un caso di miglioramento

Sclerosi multipla un caso di miglioramento

139
0

Massimo Spattini abstract Un caso di miglioramento della sclerosi multipla dopo la rimozione di intossicazione da metalli pesanti:  lezioni apprese dal caso di Matteo.

(fonte: Fulgenzi A. Zanella SG, Mariani MM, Vietti D, Ferrero ME – Springer Science+Business, Media, LLC. 2012)

 

La sclerosi multipla (MS) è una malattia cronica progressiva del sistema nervoso centrale (CNS) che provoca disabilità e sintomi neurologici. Le esatte cause della SM sono sconosciute anche se è caratterizzata da lesioni infiammatorie focali nel CNS accompagnate da una reazione alla mielina.

In realtà molti farmaci in grado di modulare la risposta immunitaria dei pazienti sono stati usati per trattare la MS.

Più recentemente è stata considerata l’ipotesi che i metalli tossici possano essere una delle possibili cause delle malattie neurodegenerative. L’obiettivo di questo studio è stato quello di investigare in vivo l’impatto dell’intossicazione da metalli pesanti sulla progressione della MS. E’ stato studiato il caso di un paziente affetto da MS che era stato trattato senza successo con le terapie correnti per qualche anno. Sono stati esaminati i livelli di metalli tossici nelle urine dopo somministrazione endovenosa con l’agente chelante calcio disodio acido etilendiamminotetraacetico (EDTA). Il paziente ha mostrato livelli elevati di alluminio, piombo e mercurio nelle urine. Il paziente è ’ stato sottoposto a trattamento con EDTA due volte al mese, ha preso giornalmente il glutatione (Ultrathione 1,000 una volta al giorno), l’antiossidante deutrosolfazime (Cellfood, Eurodream, La Spezia, Italy) otto gocce tre volte al giorno. Sotto trattamento il paziente ha rivelato nel tempo un miglioramento dei sintomi di remissione della MS. I dati clinici hanno dimostrato una riduzione dei livelli di metalli pesanti nelle urine a valori di normalità. Questo caso suggerisce l’opportunità di dosare i metalli tossici nei pazienti affetti da malattie degenerative come la MS.

 

Ufficio Stampa Dott Massimo Spattini

(139)