Home ARTICOLI TRATTAMENTI COSMETICI E DIMAGRIMENTO LOCALIZZATO
TRATTAMENTI COSMETICI E DIMAGRIMENTO LOCALIZZATO

TRATTAMENTI COSMETICI E DIMAGRIMENTO LOCALIZZATO

298
0

Abbiamo visto come la circolazione sanguigna abbia un effetto fondamentale nell’accumulo del grasso localizzato e come, quindi, ogni pratica rivolta al miglioramento della stessa abbia un significato nell’ottica di un dimagrimento localizzato. Anche se spesso esiste dello scetticismo sul fatto che le creme possano essere efficaci, non dobbiamo dimenticare che la pelle è un “organo” in grado di assorbire molteplici sostanze che, ovviamente, esercitano il loro effetto sia a livello sistemico sia, soprattutto se si tratta di sostanze vasoattive, sulla circolazione sanguigna locale.

Anche per quanto riguarda la possibilità di ottenere un dimagrimento localizzato con prodotti topici esiste qualcosa in letteratura scientifica. Uno studio pubblicato su Steroids (July 2005 Decio Armanini et al. : Glycyrrhetic Acid, the active principle of licorice, can reduce the thickness of subcutaneus thigh fat through topical application”)dimostra la possibilità di ottenere un dimagrimento localizzato tramite l’applicazione topica di una crema a base di acido glicirretico, che è un principio attivo che si ricava dalla pianta della liquirizia. L’acido glicirretico ha la proprietà di bloccare l’enzima 11-Beta idrossisteroidedeidrogenasi1 che è quell’enzima in grado di rigenerare il cortisolo dal cortisone meno attivo. Questo enzima è particolarmente presente nel tessuto adiposo e, bloccandolo,  si limita la disponibilità di cortisolo  a livello del tessuto adiposo, ed è risaputo come il cortisolo sia coinvolto nella distribuzione e nel deposito del grasso. Sono state valutate 18 donne (età compresa tra i 20 e i 33 anni) con un normale BMI (rapporto peso-altezza) e sono state assegnate con criterio casuale ad un trattamento a livello della gamba dominante con una crema contenente 2,5%  di acido glicirretico o con un placebo contenente solo l’eccipiente. Prima e dopo un mese di trattamento, sia le circonferenze che lo spessore del grasso sottocutaneo delle cosce (tramite analisi ultrasonica) sono stati esaminati, e sono risultati significativamente diminuiti rispetto alla gamba controlaterale non trattata e rispetto ai soggetti trattati con le creme placebo. Non sono state osservate modificazioni dei livelli ematici di pressione, aldosterone o cortisolo. Di conseguenza l’acido glicirretico può essere usato efficacemente per ridurre il grasso localizzato indesiderato.

Un altro studio (M.K. Caruso, “Topical fat reduction from the waist”) condotto presso la Lousiana State University Division of Human Ecology ( USA), ha coinvolto 50 fra  uomini e donne, di età compresa tra i 21 e i 65 anni con un BMI > 27, che partecipavano ad un programma di esercizio fisico a base di camminata. Il gruppo di controllo ed il gruppo sperimentale  hanno entrambi seguito una dieta con ridotto apporto calorico (1200 kcal.). Il gruppo sperimentale ha usato una crema contente lo 0, 5% di aminofillina frizionandone  15 cc,  due volte al giorno, sulla zona del girovita. Non è stato segnalato nessun effetto collaterale significativo. Al termine del periodo di  12 settimane,  il gruppo sperimentale ha registrato un calo di girovita in media di 6 cm maggiore rispetto al gruppo di controllo. Il BMI del gruppo che ha utilizzato  l’aminofillina è risultato inferiore a quello del gruppo di controllo, così come  il rapporto vita/fianchi si era ridotto nel gruppo che ha utilizzato la crema. Le donne  hanno avuto maggior calo rispetto agli uomini. Lo studio ha affermato che questo era dovuto alla ridistribuzione della massa grassa. Sulla base dei risultati dello studio è stato concluso che l’applicazione di crema di aminofillina ha causato la riduzione del grasso.

Infine citiamo uno studio effettuato dal dipartimento di Dermatologia del Rabin Medical Center di Petah Tiqva, in Israele, nel quale è stato approfondito come le capacità protettive e di barriera cutanea cambino in base al ritmo circadiano in soggetti di entrambi i sessi. La ricerca ha dimostrato come la permeabilità della pelle sia più alta di sera e di notte, mentre cali notevolmente al mattino. È certo che la cute assorbe bene gli ingredienti delle sostanze farmacologiche, così come i principi attivi cosmetici,  alla sera.

L’ACCADEMIA DEL FITNESS – Wellness & Anti-aging magazine – ottobre 2012

(298)