Home ABSTRACT Troppa caffeina negli energy drink
Troppa caffeina negli energy drink

Troppa caffeina negli energy drink

16
0

La Food and Drug Administration dichiara che un consumo sconsiderato di energy drink può essere fatale e ha già contribuito alla morte di cinque persone negli Usa dal 2009 a oggi. «Stiamo valutando i dettagli dei decessi. Non abbiamo ancora tratto conclusioni» si affretta a dire Shelly Burgess, portavoce dell’agenzia di controllo.

L’ultima delle vittime era una quattordicenne del Maryland, Anais Fournier. A dicembre dell’anno scorso avrebbe consumato in un giorno due energy drink con 240 milligrammi di caffeina ciascuno (l’equivalente di due caffè e oltre). Anche se la dose letale per un uomo è stata quantificata in varie decine di espressi al giorno, la giovane Anais soffriva di un problema al cuore e il suo certificato di morte parla di «decesso dovuto ad aritmia cardiaca e intossicazione da caffeina».

Negli Usa è stato calcolato che un universitario su tre fa consumo regolare di queste bevande. Un rapporto del Drug abuse warning network a novembre del 2011 aveva denunciato che le visite al pronto soccorso per abuso di bibite alla caffeina erano decuplicate tra il 2005 e il 2008.

Anche nel nostro Paese, nel 2007, la Società italiana di Farmacologia aveva lanciato un invito alla cautela. «Pur non trattandosi – si leggeva nella nota – di bevande che presentano una spiccata tossicità nei soggetti sani, possono diventare pericolose in alcune condizioni». Tra gli effetti indesiderati c’è la pressione alta, tachicardia e per gli sportivi il rischio di disidratazione, dal momento che questa sostanza accelera l’attività dei reni.

Ufficio Stampa Dott Massimo Spattini

 

(16)